13.2 C
Napoli
sabato, Aprile 20, 2024

Bancomat raggiunge un accordo con le banche azioniste, FSI entra nel capitale

AutoprodottiBancomat raggiunge un accordo con le banche azioniste, FSI entra nel capitale

Investimento di 100 milioni di euro per realizzare un progetto europeo

Intesa Sanpaolo, Iccrea Banca, Banco Bpm, Bper e FSI hanno firmato un accordo vincolante per la partecipazione di FSI al capitale di Bancomat. L’accordo prevede che FSI investa fino a 100 milioni di euro in Bancomat attraverso un aumento di capitale riservato, in cambio del quale deterrà le azioni degli azionisti di minoranza idonei.

Al completamento dell’investimento – informa un comunicato – FSI diventerà azionista di maggioranza relativa accanto alle banche attuali azioniste. Oltre alle banche investitrici, la partnership “consente anche la partecipazione dei clienti attuali e futuri di Bancomat, che a loro volta potranno partecipare alla governance e alla creazione di valore di Bancomat”.

L’investimento di FSI “servirà a sviluppare e far crescere Bancomat come infrastruttura centrale per il mercato dei pagamenti digitali e come società di mercato dinamica e innovativa”.

L’accordo prevede l’adozione di un “modello aziendale snello, orientato al servizio e al cliente”. Con circa 32 mln di carte emesse e 2,8 mld di transazioni processate ogni anno, Bancomat è “il principale circuito di pagamento e prelievo in Italia e il terzo del Paese per numero di carte gestite in Europa”.

Il progetto industriale condiviso dalle due aziende ha l’obiettivo di aiutare Bancomat a rafforzare il suo ruolo di principale infrastruttura di pagamento in Italia e di partner strategico per la realizzazione e lo sviluppo del centro applicativo del circuito, grazie anche al contributo di Nexi Spa come partner strategico e alle sue competenze integrate a livello europeo.

In dettaglio, l’”innovazione” sotto forma di miglioramento dell’offerta di prodotti e servizi, comprese le offerte online e di portafoglio; la “nuova architettura tecnologica” in grado di migliorare l’efficienza e velocità di esecuzione di nuovi progetti; lo sviluppo di servizi a valore aggiunto per i clienti banche e gli utenti finali, compresi i segmenti adiacenti e sinergici; “M&A”, attraverso l’acquisizione di società con competenze specifiche.

Attraverso l’alleanza, Bancomat collaborerà con i principali circuiti europei per “accelerare lo sviluppo dei pagamenti digitali, offrire servizi di pagamento ai clienti bancari e agli esercenti a costo competitivo, continuare a investire nei servizi e nella sicurezza dei dati e partecipare all’integrazione europea”.

Gli obiettivi organizzativi che si intendono perseguire sono i seguenti: Il progetto di crescita di Bancomat “si avvarrà del supporto della banca sottoscrittrice e del team di FSI, che negli ultimi anni ha investito circa un miliardo di euro nel settore fintech in Italia e vanta una significativa esperienza nel settore fintech”.

L’operazione sarà effettuata nel rispetto delle autorizzazioni delle Autorità competenti e dei prerequisiti tipici di questo tipo di operazioni. Bancomat e le banche sottoscrittrici sono state assistite da Mediobanca, Studio Legale Gattai, Minoli, Partners, Join Business Management Consulting, PwC Strategy& e Prof Avv. Salvatore Maccarone. FSI è stata assistita da WePartner, Studio Legale Pedersoli, KPMG, Studio Biscozzi Nobili Piazza e CMC Labs.

Giovanni Lombardi Stronati

Immagine di rawpixel.com su Freepik

L’articolo Bancomat raggiunge un accordo con le banche azioniste, FSI entra nel capitale proviene da Notiziedi.it.

Articoli correlati

Check out other tags:

Articoli Popolari